Grayscaleye_Epk Italiano

A NEW PATH - IL NUOVO SINGOLO

Bio
Grayscaleye Electronic composer, Drummer, Visual designer
Luca Bottigliero è un musicista e designer che ha collaborato con molti artisti tra cui Massimo Pupillo (Zu), Giorgio Canali, One dimensional man alternando al lavoro di scrittura quello di session man live e in studio.
Dal 2016 ha creato il suo progetto/solo artist sotto lo pseudonimo Grayscaleye, fondendo musica elettronica, percussioni e visual.
Genere/influenze
Electronica, Synthwave, Instrumental, Idm, Noise, Drone, Experimental, Ambient, Dark Ambient, Vaporwave, Synth & Dream Pop.
“Con quest’ultima produzione ho potuto finalmente assecondare la mia duplice natura di musicista e designer. Negli anni il progetto ha avuto molti cambiamenti sia stilistici che di line up. Stavo ancora cercando una forma che si avvicinasse alla mia idea di performance. Grazie alla tecnologia ho potuto finalmente ripensare al concept da zero. Mi sono chiesto cosa sarebbe accaduto se avessi unito musica, visual e batteria ibrida. Il risultato è quello che ascolterete e vedrete dal vivo.” L.B.
Foto promo
Music
A New Path (ft. Massimo Pupillo).  
Il nuovo singolo disponibile ora.
A New Path (feat. Massimo Pupillo)”, è il nome del nuovo singolo registrato in compagnia di un amico speciale e membro degli ZU e non solo. Disponibile ora su tutti i digital store.
CREDITS
A New Path (feat. Massimo Pupillo)
Released September 16, 2023 
The Song was Written, Played, Recorded, Mixed and Mastered by Luca Bottigliero. 
Massimo Pupillo: Bass, Echoes and Textures.
Cover Artwork and Prompt design by Phonograph.it
#1ACAD4 
Esce il 27 Febbraio il nuovo singolo per il solo project di Luca Bottigliero.
#1ACAD4 è il nome del singolo, disponibile dal 27 Febbraio 2023 sulle principali piattaforme streaming. Il titolo è un codice colore esadecimale ed è parte di un concept più ampio che caratterizzerà i video e l’attività live, focalizzati sull’interazione tra audio, visual e design. 
Il brano è stato scritto, suonato, registrato e mixato da Luca Bottigliero che ha curato anche la parte visual legata al singolo.
La masterizzazione del pezzo è stata affidata a Giovanni Versari (Grammy 2016 per Drones dei Muse).​​​​​​​ 
Video #1ACAD4
Grayscaleye (first record 2016)
L'album, dal titolo omonimo, verrà stampato per l'etichetta napoletana Casa Lavica Records. Grayscaleye è l’incontro tra l’impetuosità che contraddistingue le performance live di Luca Bottigliero e la sua attitudine compositiva, più vicina a sonorità elettroniche sperimentali. Le innumerevoli in influenze percepibili in ogni traccia rendono questo album un’esperienza policroma, lontana dall’essere considerata “in scala di grigio”, come si potrebbe percepire dal nome del progetto e dell'album stesso. Il disco è composto da 9 canzoni che mescolano la violenza del noise e dell'industrial con il nervosismo del math rock e il sincretismo dell'elettronica. Il disco è stato registrato e mixato da Luca Bottigliero, eccetto voci e batterie realizzate presso il Dirty Sound Studio di Verona. La masterizzazione è stata invece a data a Giorgio Canali
Highlights & Press
“Grayscaleye è l’incontro tra l’impetuosità che contraddistingue le performance live di Luca B. e la sua attitudine compositiva, più  vicina a sonorità elettroniche sperimentali”  Sentire ascoltare

"Ogni volta che entra la batteria, picchia durissimo e le chitarre hanno la pesantezza dei gruppi su Deathwish, ma tutto è avvolto in una morbida nebbia di synth e accarezzato da linee vocali sfacciatamente melodiche". Noisey

"Un progetto sicuramente interessante e da seguire nelle sue future evoluzioni, fermo restando che questo omonimo debutto presenta già diversi spunti degni di nota". Il Mucchio

"L'album d'esordio del batterista dei Lucertulas è per chi ama il casino ma non ha paura dei sentimenti, e viceversa.". Noisey

"Rock da tutti i pori e compattezza altrettanto, math rock e iniezioni elettroniche a creare un pathos di potenza espressiva tumultuosa, plasmata come fosse viva sostanza – e lo è – tanto che l’astrattismo, la metafisica tribale che stritola e le gelide geometrie scalene e melodiche, oltre che sentirle si possono anche toccare con “l’immaginazione della realtà”, e questo Grayscaleye ne è garante al quadrato.". Freakout Magazine

"Grayscaleye” ingoia le più abrasive matrici post-grunge della west-coast americana per rivomitarle, esponenzialmente più alcalinizzate, dentro un urticante vestito elettronico." Rockit
Scarica il press kit in versione PDF
Per info & booking
info(at)grayscaleye.com
Back to Top